Come volevasi dimostrare anche l’associazione per la tutela dei consumatori Altroconsumo ha pesantemente bocciato le diete “fai da te” che vanno di moda in questi anni: la dieta Dukan (diete di pure proteine) e la dieta Mozzi (dieta del gruppo sanguigno, di cui ho parlato precedentemente in altri articoli).

Entrambe le diete hanno risultati apparentemente buoni nel breve periodo ma alla lunga possono causare grossi problemi.

Riporto le parole di Altroconsumo:

Dieta Dukan: valutazione PESSIMA

L’apporto di fibre durante la fase “di crociera” è rappresentato solo dalle verdure, che non sono sufficienti al raggiungimento del fabbisogno giornaliero e nella fase “di attacco” le fibre sono assenti. L’introduzione della crusca d’avena non aiuta comunque al raggiungimento dei livelli raccomandati di assunzione. Carboidrati e proteine sono sbilanciati rispetto ai fabbisogni di riferimento e le proteine consigliate derivano unicamente da alimenti di origine animale (che aumentano notevolmente l’apporto di colesterolo). L’apporto di grassi è anch’esso sbilanciato a favore di grassi di origine animale e quindi prevalentemente saturi. L’unica fonte di acidi grassi essenziali è rappresentata dalla possibilità  di consumare  pesce. Con un consumo ridotto di prodotti di origine vegetale (frutta, verdura, legumi e cereali) si rischia una carenza di vitamine e sali minerali.

Perchè è pessima?

  • L’acquisizione di abitudini nutrizionali che risultano scorrette
  • Se protratta nel tempo può rappresentare un rischio per la salute
  • Costo elevato

Dieta Mozzi: valutazione PESSIMA

Il regime alimentare consigliato nei diversi gruppi vede la completa eliminazione di determinati gruppi alimentari, atteggiamento poco raccomandabile. Variare la proprie scelte è alla base di una sana alimentazione, mentre questo stile alimentare limita fortemente le alternative. In particolare, chi ha gruppo sanguigno 0 potrebbe essere soggetto a rischi maggiori, in quanto si incoraggia il consumo di carne (anche rossa) che, come anche i più recenti studi hanno dimostrato, può essere responsabile dell’insorgenza di tumori. Le porzioni e le frequenze indicate non riflettono quelle delle linee guida per una sana alimentazione INRAN.

Perchè è pessima?

  • Basata tu teorie prive di fondamento scientifico
  • Escludendo gruppi di alimenti si rischiano carenze nutrizionali

Che altro dire?

Seguite la dieta che volete, ma fatelo consapevoli dei rischi che potete correre a lungo termine…

Fonte:
www.altroconsumo.it/alimentazione/dimagrire/speciali/diete