Recentemente mi sono arrivate delle email da alcune compagnie di marketing che mi hanno proposto dei soldi in cambio di far loro pubblicità in qualche modo…

Allora, ci sono due modi per prendere qualche soldo dalla gestione di un blog:

1) mettere le pubblicità Google AdSense (o equivalenti) in mezzo agli articoli;

2) farsi pagare per scrivere degli articoli a favore di qualche compagnia.

La differenza è ABISSALE.

Nel primo caso, l’autore del sito decide dove inserire la pubblicità, che viene delimitata in modo piuttosto chiaro e separata dal contenuto dell’articolo. Purtroppo il controllo sul tipo di pubblicità è praticamente zero (vince l’inserzionista che paga di più) e quindi può capitare che (ad esempio) in mezzo al tuo articolo contro l’omeopatia ci vada a finire una pubblicità di un’azienda omeopatica che si compra il tuo spazio perchè molto visualizzato da potenziali clienti.

Per questo motivo, non ho mai ceduto a questo tipo di pubblicità, che comunque ritengo “accettabili” anche se molto, MOLTO fastidiose.

Per capire che fastidi può provocare, guardate quel furbone di Beppe Grillo che figuracce fa dal suo mega-blog quando parla di banche e slot machine:

Leggi il resto dell’articolo