Due anni fa ho scritto di madbid.com, un sito inglese di aste online al ribasso, spiegando come funzionava e come fosse facile perderci un sacco di soldi senza accorgersene (link).

madbid, created for... fregarti i soldi!

.

Sono passati 24 mesi e di madbid si parla un po’ meno online (basta guardare i trend di ricerca della parola “madbid” su google) ma, un po’ come la mafia, quando se ne parla poco vuol dire che sta facendo ottimi affari…
Infatti nel 2012 madbid.com è entrato nella top50 dei siti tecnologici inglesi più in crescita, passando da un fatturato di due milioni di euro del 2008 ai 9 milioni di euro dell’anno scorso (fonte Sunday Times).

A conferma di ciò ho notato che il mio precedente post è tutt’ora visitato da oltre 600 persone AL GIORNO, molte delle quali lasciano dei commenti dicendo di aver perso parecchi soldi perchè truffati dalla furbissima e ingannevole pubblicità di questo sito di gioco d’azzardo.

Un esempio?

Classica pagina autocelebrativa (ingannevole) di madbid

Classica pagina autocelebrativa (ingannevole) di madbid

Il trucco è evidente per chi ha avuto il tempo di capire come funziona il sito… i vincitori saranno forse 315000 come affermano, ma non si specifica COSA abbiano vinto… infatti gran parte dei premi di madbid sono dei buoni per ottenere dei crediti da usare sullo stesso sito… un po’ come quando al gratta e vinci si vince un secondo gratta e vinci!

I veri vincitori di qualcosa di “tangibile” sono molti molti meno, e tante persone mi hanno scritto dicendo di non aver MAI ricevuto quel poco che avevano vinto (dopo aver speso un bel po’ di soldi comprando i crediti per giocare).

Inoltre i prezzi indicati a fianco ai premi vinti non specificano quanti crediti sono stati usati dal vincitore per chiudere l’asta (di fatto il prezzo finale dell’oggetto è il punto a cui è arrivata l’asta PIÙ il totale dei crediti usati, un singolo rilancio per certe aste può costare 1 euro!!!)

Se non sapete come funziona il gioco, vi rimando al mio primo post: madbid.com il trucco dietro alle aste online.

Se già sapete come funziona e siete incazzati, mettete mi piace alla pagina facebook che ho creato (su richiesta di alcuni visitatori) su cui si può scrivere la propria esperienza e mettere in atto una specie di “protesta online” contro madbid: MadBid.com è una truffa (pagina facebook)

Rispetto al madbid delle origini sono state aggiunte 2 modalità in più per fregare l’utente iscritto: la ricarica rapida e l’autopuntata.

L’autopuntata
Questa funzione permette di effettuare puntate in automatico, senza dover stare sul sito di madbid, ovviamente fino a quando sono disponibili crediti nel tuo account.
Così, senza giocare di persona, si possono perdere centinaia di crediti (cioè di euro).

La Ricarica Rapida
Questa funzione aggiunge automaticamente 165 crediti al tuo account quando il saldo scende sotto una certa soglia. Attenzione che ogni volta che si attiva la Ricarica, Madbid vi prende 19,99 € dalla carta di credito! Per capirci, visto che per un rilancio si arrivano ad usare ben 8 crediti, bastano una ventina di rilanci automatici per vedersi scalare 20 euro dal proprio conto. Simpatici!

Sapete come descrivono questa funzione quelli di madbid? Così: “Questa funzione fa si che il tuo divertimento non finisca mai”
Wow che divertimento vedere scendere 20 euro dalla mia carta senza nemmeno giocare, è davvero uno spasso!Come se non bastasse l’autoricarica è attivata di default non appena ci si iscrive! Occhio che si rischia davvero di perdere migliaia di euro in poche settimane…

È ASSURDO che un gioco d’azzardo come madbid possa agire indisturbato nel nostro paese, con regole poco chiare e un funzionamento del sistema di rilancio assolutamente poco chiaro e NON CONTROLLATO da nessuna autorità pubblica. Per quanto ne sappiamo, i rilanci potrebbero avvenire in automatico fino a quando il sito stesso ritiene il prezzo sufficientemente alto!

Madbid riesce a svicolare alle leggi italiane perchè è una specie di asta “al minimo rialzo” che riesce a stare in bilico tra il gioco d’azzardo puro e la legalissima asta, evitando quindi di essere chiuso come altri siti online di aste al ribasso.

Visto che lo Stato italiano non si muove, muoviamoci noi iniziando a:

1) non giocarci più

2) facendo in modo che nessun altro ci giochi (o se proprio vuole che lo faccia sapendo che al 99.99% ci perderà solo un sacco di soldi)

Mettete mi piace e condividete la pagina facebook “madbid.com è una truffa”