La farò brevissima, tanto si sono già sprecati fiumi di inchiostro sul “Movimento 5 stelle”, su Grillo e sul nuovo sindaco di Parma.

Onestamente però gran parte di quell’inchiostro è decisamente sprecato, visto che tanti non ci hanno capito veramente nulla, tra cui lo stesso Grillo, che esulta come un ossesso pensando alla prossima conquista del Parlamento (!!!).

In realtà, guardando i risultati un po’ più in profondità si scopre che il risultato eccezionale del movimento 5 stelle è strettamente legato al risultato pessimo di Lega Nord e PDL al Nord, dove la loro quasi scomparsa ha lasciato spazio a Grillo e al suo nuovo movimento, pronto a raccogliere lo scontento generale contro i partiti e contro lo Stato.

Date un’occhiata ai voti che il M5S ha preso al Sud. Percentuali molto basse, dal 2% al 5%, come sua tradizione. Al Nord invece in moltissime città, anche dove non ha vinto, si è preso il 10-15% delle preferenze e ha portato dei consiglieri in comune.

Perchè?

Beh, prima di tutto perchè al Nord l’organizzazione del M5S è più forte.
Ma soprattutto perchè al Nord gli elettori di Lega Nord e PDL o si sono astenuti o hanno protestato votando l’antipolitica.

Piacerebbe anche a me pensare improvvisamente l’Italia è rinsavita e gli elettori di Berlusconi hanno capito che la democrazia dal basso è la soluzione giusta, ma semplicemente NON È COSÌ, non raccontiamoci favole!!!

Il movimento di Grillo è ancora giovanissimo e praticamente inesistente sul territorio, non ha conquistato la gente per quello che vuole fare, ha conquistato la gente per quello che hanno fatto gli altri partiti, cioè uno schifo così grande da convincere dei berlusconiani a votare Grillo pur di dire “vaffanculo” ai propri rappresentanti.

What???

Insomma, ben venga il M5S in Italia, darà uno scossone ai partiti ammuffiti da anni e anni di mancato rinnovamento.
Ma non fatevi convincere che il 18% degli Italiani (come da ultimi sondaggi) abbia letto e approvi veramente il programma di Grillo… di quel 18% almeno il 10% è voto di protesta e non confermerà il proprio voto per più di una/due elezioni (molto dipenderà anche dalla reazione dei partiti).

E lo dico con tristezza, perchè sono convinto che quei voti per PDL e Lega non siano evaporati… sono solo lì in attesa di trovare un nuovo capo-popolo che li guidi con parole di razzismo e/o populismo.
Mentre quegli elettori sono lì “in attesa” sarebbe il caso che la sinistra vinca largamente le elezioni e faccia 5 anni di buon governo, così che magari una bella fetta di destrorsi cambi convintamente il proprio voto, non per protesta ma perchè hanno capito che c’è chi governa meglio, se messo nelle condizioni di farlo.

p.s. scusate i problemi al sito nei giorni scorsi, c’è stato un cambio di server e di database.