Archivio di January, 2012

Satira omeopatica (interludio)

Sperando che le simpatiche multinazionali dell’omeopatia non se la prendano troppo come quest’estate (link verso la storia completa), vi riporto una paio di immagini divertenti che girano sul web in questi mesi (la seconda è mia, ma non ditelo troppo in giro):

Ed ecco la seconda, con il famoso Oscillo…:

 

Avete altre immagini divertenti?
Mettete il link nei commenti qua sotto!

Aggiornamento gennaio 2016: il sito di madbid Italia risulta momentaneamente sospeso… che sia la volta buona che l’hanno fatto chiudere? Vi terremo aggiornati…

Avete mai sentito parlare di MadBid.com?

È un sito molto famoso in Inghilterra che purtroppo sta guadagnando fortissimi consensi anche in Italia grazie alle molte pubblicità ingannevoli con cui stanno inondando i giornali, radio e TV locali ma anche nazionali (anche Repubblica!!)

Un esempio? “Fino al 98% di risparmio sul prezzo reale!”:

Restando in bilico sulla linea che divide legalità ed illegalità i gestori di questo sito sono riusciti a creare una macchina da soldi eccezionale, guadagnando milioni di euro alle spalle di tanti giocatori abbagliati dalla semplicità del gioco e dalla speranza di facili vincite (160 € una Fiat 500?).

Come funziona? È presto spiegato:

Leggi il resto dell’articolo

“Più cerchiamo di capire con precisione quale sia la posizione di una particella, meno precisa è la nostra conoscenza della sua velocità (e viceversa)”

Abbiamo già parlato del meraviglioso esperimento delle due fessure, grazie al quale si è dimostrato che le particelle (gli elettroni nel nostro esempio) hanno una seconda “natura” ondulatoria oltre a quella corpuscolare.

La duplice natura delle particelle è stata una delle scoperte più incredibili della meccanica quantistica del ‘900 e ha avuto enormi ripercussioni, una delle quali è il famoso principio di indeterminazione di Heisenberg, uno dei principi più noti della scienza ma anche uno dei meno compresi (spesso anche le spiegazioni nei libri sono fuorvianti, per non parlare delle sciocchezze viste in TV).

Immagine di Heisenberg

Cerchiamo di capirci qualcosa.

Era il 1927 quando Werner Karl Heisenberg, venticinquenne assistente del famosissimo Niels Bohr, diede il suo più celebre contributo alla scienza con il suo principio di indeterminazione che ebbe l’enorme conseguenza di mostrare a tutti che la comprensione scientifica ha dei limiti invalicabili.

Il principio, in breve, asserisce che è impossibile misurare con precisione sia la posizione che la velocità di una particella, perchè quanto più si cerca di definire con precisione una delle due variabili tanto più diventa impredicibile la misura dell’altra.

Questa imprecisione (o meglio, questa indeterminazione) non è dovuta ad errori di misurazione o a nostri limiti sperimentali, ma è una conseguenza fondamentale della duplice natura di particella e di onda del mondo quantistico, ed è una legge fondamentale: o è come dice Heisenberg o la fisica quantistica è sbagliata.

Essa riflette un’indeterminazione intrinseca della natura: non è che non possiamo conoscere quantità di moto e posizione di una particella con precisione… il fatto fondamentale è che la particella NON HA quantità di moto e posizione ben specificate!

Le particelle in fisica quantistica infatti si rappresentano con delle funzioni probabilistiche che descrivono la probabilità di trovare una particella in un posto o in un altro… bisogna cercare di smettere di pensare alle particelle come a delle “palline”, perchè quando si parla di fisica quantistica la duplice natura ondulatoria/particellare sconvolge le regole a cui siamo abituati!

Divagazione rilassante prima di passare ad un esempio:

Non potrai mai essere sicuro del numero di birre che hai bevuto la notte scorsa.

Principio di Indeterminazione di Heineken

Torniamo a noi:

Leggi il resto dell’articolo