Archivio di November, 2011

Messaggio ai lettori

Blog chiuso per festa!
update: questa crisi ci fa ridere solo per un giorno, poi ci tocca tornare alla cruda realtà…

Forza ITALIA!


Sfiduciato!?!

Siamo vicini ad una svolta storica.

Berlusconi non ha più i numeri al Governo e ha davanti a sè poche scelte, ed in qualsiasi caso dovrà farsi da parte lasciando la poltrona di Primo Ministro italiano, probabilmente per sempre.

Aspetta un attimo, fammelo riscrivere che è stato un momento eccitante: probabilmente PER SEMPRE. Wow, che goduria!

Perchè quest’ottimismo?

Perchè Fini e Casini, gli unici che potrebbero sostenerlo oggi e nelle prossime elezioni, lo attaccano in ogni modo da tempo immemorabile e sono completamente incompatibili con lui.

Perchè tutta la schiera di mediocri personalità di cui si è attorniato sta velocemente abbandonato la nave accorgendosi dell’imminente naufragio, rinnegando l’interessata amicizia verso il padrone di partito. In privato lo insultano alle spalle e quando qualcuno li scopre non lo negano nemmeno. Poveretto, mi fa quasi pena (non è vero, anzi).

Staccandosi un po’ dalla cronaca del giorno e alzando lo sguardo verso i prossimi mesi/anni è facile intuire che le uniche speranze di vittoria per il centro-destra sono legate all’abbandono definitivo di Berlusconi; solo in questo modo l’UDC potrebbe tornare a destra e portare quei voti indispensabili a raggiungere la maggioranza nel paese.

[fbshare]Insomma, io metto lo spumante in frigo, a breve si festeggia questa svolta!!!

Ma non sono tutte rose e fiori… dopo lo spumante e una notte di felicità ci aspetta la cruda realtà italiana.

Ci tocca sorbirci un governo tecnico di lacrime e sangue, una crisi economica da cui risaliremo con fatica (sempre SE ci riprenderemo), delle future elezioni in cui, con grandi probabilità, il maggior partito di centro-sinistra si alleerà con il partito super-cattolico e con il partito di super-sinistra e pure con il partito super-giustizialista, creando un pastrocchio che evidentemente non produrrà nulla di buono.

Bah, per ora non guastiamoci questi momenti storici e speriamo che gli ultimi giorni del regime finiscano presto e senza eccessivi strascichi polemici (già sento le urla che parlano di golpe anti-democratico in caso di governo tecnico…).

Peggio di così non può andare, dopotutto… no?

Prendo spunto da alcuni degli interessanti commenti che sono emersi nell’ormai datato ma sempre seguitissimo post “Dio non esiste” per dire la mia sul mistero delle costanti fisiche universali che, se fossero anche solo leggermente diverse, l’Universo così come lo conosciamo non esisterebbe.

Prima di tutto, un po’ di background (semplificato e quindi impreciso).

Gli scienziati cercano di descrivere l’universo formulando ipotesi e teorie sotto forma di leggi universali e formule, con l’obiettivo di raggiungere una conoscenza della realtà nel modo il più oggettivo possibile.
Le teorie, da Galileo in poi, devono passare al vaglio degli esperimenti per essere considerate efficaci e per essere accettate dalla comunità scientifica.

Spesso i fisici, usando il metodo sperimentale, rilevano l’esistenza di certe proporzioni e certi rapporti costanti che vengono inseriti nelle leggi e vengono considerati delle costanti fisiche fondamentali, il cui valore viene accettato come tale.

Ma perchè quelle costanti hanno proprio quel valore?

Se le costanti fisiche avessero valori diversi l’universo sarebbe molto diverso da come lo osserviamo. Per esempio, un piccolo cambiamento di poche percentuali nel valore che regola la forza elettromagnetica negli atomi (la cosiddetta costante di struttura fine) farebbe cambiare i rapporti tra le forze repulsive e attrattive tra le particelle elementari con conseguenze sulla costituzione della materia e l’attività delle stelle: il Sole non esisterebbe.

Altri esempi?

– se la forza nucleare “forte” avesse un valore diverso del 4% rispetto a quello che c’è in natura, non esisterebbe la vita così come la conosciamo (quella basata sul Carbonio).

– se i protoni fossero dello 0,2% più pesanti decadrebbero in neutroni rendendo instabili gli atomi.

– se l’espansione dell’universo nei primi istanti dopo il Big Bang fosse stata maggiore di quella che è avvenuta, non ci sarebbero le stelle, se fosse stata minore, l’universo sarebbe collassato.

E arriviamo quindi al punto in questione:
L’universo è stato creato con questi precisi rapporti costanti per permettere la vita e più precisamente l’esistenza umana?

[fbshare] I credenti in qualche religione qui si affrettano a rispondere entusiasti: SÍ, è stato Dio!
L’ateo invece come risponde?

Leggi il resto dell’articolo