English summary:
Maybe Boiron will eventually sue me and maybe they will also win.
But from marketing point of view they have already lost. Definitely. Look to Alexa.com statistics (Image 1) and Boiron wiki entry!

But now it’s time for peace… I would like to send one small gift to Boiron management: one Barba Streisand doll (they should never forget this affair!): Image on page 2.

However, joking aside, I’m waiting for a feedback from them. If they want to close the affair, I would really appreciate. If they prefer to proceed, two law firms are available to help me for free in the courts.
Let’s see (twitter, rss feed, other highly diluted links)

Back to english page

Non so come andrà a finire, ma con o senza ricorrere ai tribunali, Boiron ha già perso.
La pubblicità negativa virale è il terrore di tutti gli agenti di marketing e brand reputaton al mondo, figuriamoci la reazione che avranno avuto quelli di una società come la Boiron, che fonda i propri ingentissimi ricavi su una pulita facciata piena di bontà e buoni sentimenti in contrapposizione alla cattiveria delle multinazionali dei medicinali tradizionali, così crudelmente attaccate al denaro…

Peccato però che a vendere acqua e zucchero a prezzi altissimi siano proprio loro (e non lo nascondono, vedi qui: “Each dose (1 g) of Oscillo contains 1 g of sugar“… ooops! 🙂 )

Osservare che gli accessi al mio piccolo sito sono stati (e sono tutt’ora) molto superiori alle visite dei loro giganteschi siti web è a dir poco eccezionale (vedi sotto i dati presi da Alexa.com)… senza contare che fermarsi a queste statistiche sarebbe come guardare la punta di un iceberg senza rendersi conto di quello che c’è sotto!
Infatti i quasi 200 siti web che hanno rilanciato la notizia hanno a loro volta raggiunto migliaia di persone che spesso  nemmeno conoscevano l’omeopatia.

Boiron Blogzero statistiche: Alexa.com

OOOOPS! :-)

E, credetemi, uno dei capisaldi dell’omeopatia è proprio la poca informazione: tante persone comprano questi rimedi scambiandoli per infusi naturali, quando è provato scientificamente che all’interno delle diluizioni oltre la dodicesima non ci sia più nessuna molecola, il rimedio è INDISTINGUIBILE dall’acqua (per dettagli vi rimando ai primi due post “diffamatori” e poi al terzo, che spero di finire in una settimana).

Siete curiosi? Ecco alcuni siti che hanno rilanciato la notizia.

Boingboing.net (gigatesco blog americano)

Richard Dawkins Foundation, Science Based Medicine e Center For Inquiry (il CICAP americano!)

Un grande quotidiano tedesco (Handelsblatt) e una serie di blog dalla Germania tra cui l’ottimo e seguitissimo esowatch.com
Un importante giornale francese (Rue89) e un seguito sito spagnolo (Amazing.es), senza contare alcuni blog dal sudamerica (Uleo) e dall’Australia (astroblogger)!

Da sottolineare il twit di Stephen Fry, seguito da quasi 3 milioni di persone!

Alla fine, è stata pure aggiornata la pagina wikipedia della Boiron… poteva forse mancare una citazione del caso blogzero?

Se non è un boomerang questo… (cliccate qui per leggere l’elenco “completo” dei siti web… in evoluzione)

Però ora basta, ho deciso di seppellire l’ascia di guerra e fare pace con la multinazionale.

Il primo passo lo faccio io, donando loro una bambola di Barbra Streisand indirizzata alla sede di Boiron Italia, per il servizio svolto nella crescita della popolarità di questo piccolo blog, ma soprattutto per aiutarli a ricordare la forza del Web nel reagire ai tentativi di censura con l’ormai famoso Effetto Streisand (per l’appunto).

Streisand doll

Thanks Barbra!

Scherzi a parte, spero che questa diatriba possa chiudersi positivamente al più presto; a questo proposito attendo una risposta dalla Boiron da oltre 17 giorni… spero arrivi a breve così che si possa voltare pagina..

… ma se così non fosse e si finisse in tribunale? Per fortuna due studi legali e un avvocato si sono offerti per difendermi gratuitamente (pro-bono, non sapevo nemmeno esistesse questa possibilità…). Questo, insieme con il conseguente gigantesco polverone che si verrebbe a creare (probabilmente anche su giornali cartacei e non solo online), diventerebbe un doppio boomerang per la Boiron, e questo assolutamente a prescindere dal risultato finale della querela.

Insomma, vi farò sapere (facebook, twitter, rss feed, piccioni viaggiatori e altri link altamente diluiti)