Archivio di December, 2010

Calendario 2011

Complimenti a Metilparaben (uno dei più famosi blogger italiani, per chi non lo conoscesse) per aver realizzato un agrodolce Calendario  Politico per il 2011, scaricabile in pdf da questa pagina.

Calendario 2011

Indispensabile per non dimenticarci cos’è successo nel 2010…

Buon anno!

A proposito di falsi attentati

Ha iniziato a parlarne anche “Il Giornale”, quindi ormai lo si può dare ormai per certo, l’attentato contro il direttore di Libero Maurizio Belpietro del 1 ottobre era un totale falso.

1 ottobre: tutti gridano all'attentat

L’articolo contro l’attuale direttore di “Libero” e il suo caposcorta, datato 28 dicembre, si intitola “Agguato a Belpietro, i dubbi degli inquirenti, il caposcorta verso l’incriminazione” e lo potete leggere cliccando qui.

Riassumento, il Giornale parla di attentato bufala organizzato dal caposcorta (forse troppo stressato!)… tante incongruenze, totale mancanza di prove e filmati delle decine di telecamere, nessuna via di uscita agibile per il fantomatico attentatore, sparito nel nulla come in un film… tra i magistrati e anche tra i poliziotti circola il convincimento che l’agente di tutela di Belpietro si sia inventato tutto.

Nel frattempo, Belpietro ha potuto sparlare per mesi e “vantare” la sua situazione di pericolo come una medaglia al valore, che solo i giornalisti “scomodi” possono avere.

Per questo motivo, ricordiamo i titoli di “Libero” di quei giorni.
E ridiamo per non piangere:

1 ottobre: "Attenti all'odio"? Ridicoli

2 ottobre: siamo al limite del ridicolo

8 ottobre: ecco, superato il ridicolo, ampiamente

“Scusate se sono vivo”, aveva titolato Libero pochi giorni dopo il presunto attentato, non appena qualche giornalista un po’ più furbo e onesto aveva iniziato a scrivere dei dubbi sul falso attentato alla vita di Belpietro.

[fbshare]Anzi, peggio ancora, Belpietro aveva trovato il tempo di paragonarsi a Saviano, scrivendo che “Io come Saviano sono un recluso per quello che scrivo”… e non dimentichiamoci come Libero abbia poi cavalcato per settimane quest’attentato buttando la colpa sui soliti “mandanti morali”, cioè naturalmente il popolo viola, la sinistra, Di Pietro.

Ora lentamente la verità sta venendo a galla, peccato che nel frattempo Belpietro si sia martirizzato in diretta tv davanti a milioni di italiani, presenziando da Vespa e a Matrix, piangnucolando intervistato da tutti i quotidiani e settimanali più in voga.

Leggiamo i titoli di Libero di quei giorni per ricordarci di quanto sia facile manipolare l’informazione e la testa degli italiani partendo da un evento completamente inventato.

Link giornalettismo
Link ultimenotizie

«Io come Saviano. Sono un recluso per quello che scrivo». Il direttore di «Libero»: la mia scorta sempre con me.

Natale 2010 anni dopo

E’ Natale. (auguri)

[fbshare]Poteva forse mancare l’immagine sulla natività Facebook style?

Rieccola qua (cazzata che vince non si cambia, la pubblico tale e quale al fortunatissimo post dello scorso anno):

Avevo pensato di modificarla leggermente inserendo la casa di Montecarlo o qualche battuta sulla fiducia al governo, ma l’avrei probabilmente rovinata.

Lasciamola così, con tutta la sua eloquente stupidità.

(Su Facebook esiste un fan club in onore a quest’immagine: Natale ai tempi di Facebook)

(p.s. poi è arrivata la versione Pasquale, per chi non si accontenta)

tic, tac, e mancano 2 anni

Ragazzi, mi duole ricordarvi che tra 2 anni precisi precisi finirà il mondo, ce l’hanno detto i Maya e Giacobbo su Voyager, dubito sia una coincidenza.

In onore a questa ricorrenza, riposto il mio articolo di oltre un anno fa con tutte le spiegazioni scientifiche che fanno un po’ di chiarezza in mezzo al mare di sciocchezze new-age che giravano (e continuano a girare) sul web e in TV.

15 mesi dopo la situazione non è cambiata assolutamente, i “finemondisti” continuano a ripetere incessantemente le stesse quattro stupidaggini senza la paura di cadere nel completo ridicolo.
Poco male, di scemi è pieno il mondo, chi ha voglia di informarsi può leggere qui sotto e seguire i vari link verso il sito della NASA, dell’ESA e di altri siti ad alta attendibilità scientifica.

——

Analizzando il calendario Maya ciascun ciclo del Lungo computo (uno dei loro modi di calcolare lo scorrere del tempo) corrisponde ad un’era del mondo; secondo alcuni (e già questa è una teoria di pochi studiosi, ma diamola per buona) per i Maya il passaggio da un’era all’altra è segnato da catastrofi e distruzioni (un po’ come noi nel 2000…). Il ciclo attualmente in corso è iniziato il 6 settembre del 3114 avanti Cristo e avrà termine il 22 dicembre del 2012, cioè sabato 21 dicembre sarà l’ultimo giorno del vecchio ciclo.

Fin qui, niente di strano. Dopotutto, varie culture misurano il tempo in modo diverso, per gli ebrei siamo nel 5769 e per gli islamici nel 1430, cosa importa a noi se il 21 dicembre 2012 sarà il 13-0-0-0-0 del calendario dei Maya?
E invece no. Secondo alcuni scrittori e vari personaggi (correlati alle molto_di_moda teoria new age), ecco cosa potrebbe accadere intorno a quella data:

  • blocco ed inversione della rotazione terrestre a causa della diminuzione di campo magnetico

  • arrivo nei pressi della Terra di un corpo celeste chiamato Nibiru che causerebbe maremoti terrificanti
  • allineamento galattico del Sole e relativi sconvolgimenti terrestri (?)
  • aumento della risonanza di Schumann fino a 13Hz con conseguenti catastrofi
1 agosto 2009 secondo il calendario Maya

1 agosto 2009 secondo il calendario Maya

Leggi il resto dell’articolo

Chi non ha mai sognato di salvare tutte le cazzate che ha scritto su Facebook per farle vedere ai propri pronipoti?
In realtà nessuno.

[fbshare]Però sappiate che il simpatico team di Mark Zuckerberg da qualche settimana ha deciso di darci anche questa opportunità, permettendoci di scaricare e quindi sfogliare comodamente offline tutto ciò che abbiamo scritto e caricato su facebook (foto incluse).

Come fare? Ecco una brevissima guida (è facilissimo):

Leggi il resto dell’articolo