Di quanto siano stupide e completamente inverosimili le teorie sulla “fine del mondo” del 21 dicembre 2012 ne ho parlato in un precedente articolo, a cui non voglio aggiungere niente se non linkare il video del servizio de “Le Iene” di pochi giorni fa (vedi il video su youtube).

[fbshare]Oggi invece voglio parlare di quelle persone che sanno perfettamente quanto siano sciocche queste leggende e premonizioni, ma comunque realizzano dei siti per trarre profitto dalla paura della gente, che in certi casi è pronta a fare anche grandi sacrifici pur di “salvarsi”.

Vi sembra impossibile che ci siano persone che credono realmente alla catastrofe del 2012?
Allora non avete mai provato a seguire forum, blog e newsgroup che parlano incessamente di questo argomento, non avete mai provato a contattare le persone che si ritengono “esperte” della catastrofe in arrivo e si ergono a protettori e salvatori dell’umanità.
Basti sapere che la psicosi è così forte che persino la Nasa è stata inondata di e-mail e di richieste di chiarimenti e ha dovuto aprire un sito per rispondere alle persone preoccupate, rassicurandole.

Bene, ho provato a fingermi una persona preoccupata dell’arrivo della catastrofe e ho scritto ad un sito di “esperti”… il quadro che ne è uscito è davvero preoccupante:

Grazie ad un commento di un visitatore sono venuto a conoscenza del sito butterfly2012, una (parole loro) “agenzia di consulenza – formazione – dislocazione” per fronteggiare gli eventi del 2012.
Avete capito bene, CONSULENZA (gratuita ma per avere dettagli bisogna pagare), FORMAZIONE (ti spiegano perchè la tua vita sta per finire e come devi reagire), DISLOCAZIONE (se abiti in un posto “non sicuro” ti suggeriscono di fare i bagagli!).

Fosse solo un sito di ragazzini come se ne vedono tanti, poco male. Ma questi di butterfly2012 sono un’organizzazione reale con sede legale in Svizzera, prende molto sul serio il suo “lavoro” e fornisce tempestive risposte (catastrofiste ovviamente) a coloro che inviano mail di aiuto.

Il tutto “garantendo concretezza e anonimato”, ovviamente (anche perchè fare certe cose alla luce del sole rasenta l’illegalità… meglio stare nell’ombra!)

Nonostante una falsa parvenza di scientificità (“scopo dell’Agenzia è fare chiarezza sugli eventi previsti per il 2012, basandosi unicamente su dati scientifici”), il sito si pone chiaramente a favore delle tesi catastrofiste (che vengono citate acriticamente) secondo cui nel 2012 (o attorno a quella data) succederà di tutto, e noi dovremmo scappare e rifugiarsi il prima possibile (magari dove consigliano loro, dopo aver pagato per saperlo).

Prima di mostrare lo scambio di email, ecco la pagina del loro sito in cui si svela il vero obiettivo e il loro programma:

1. raccolta di informazioni specifiche dagli utenti
2. restituzione dell’analisi dettagliata della situazione rischi nella quale l’interessato si trova
3. Piano operativo adeguato in considerazione dell’attuale locazione e dei componenti del nucleo famigliare.

Butterfly studia e progetta la miglior soluzione personalizzata, in considerazione delle necessità individuali e famigliari e, su richiesta degli interessati, una dislocazione in altra regione, Cantone o Stato, considerata più sicura per conformazione e posizionamento.

Chiaro? Per esserne certo, ho inviato alcune email fingendomi una donna con figlio (volevo vedere se si facevano scrupoli davanti ad una famiglia oppure no) [ve lo anticipo, no]:

Io:

Buongiorno,
leggo dal vostro sito internet che siete esperti sulla possibile fine del mondo che molti dicono ci sarà nel 2012… parlate di forti cambiamenti in certe zone e io sono preoccupata perchè ho un figlio piccolo e non so bene come comportarmi!
Io vivo tra Milano e Bergamo e ho paura di inondazioni o terremoti, voi cosa mi suggerite?

Butterfly2012:

I possibili e probabili cambiamenti relativi al 2012, sono, a nostro avviso, una realtà. Una realtà che però non va intesa come “fine del mondo” ma come un momento di cambiamento (radicale in talune zone) al quale è necessario prepararsi adeguatamente per poter superare indenni questo momento cruciale.
La nostra tranquillità nasce da questo: studio delle zone meno a rischio e, se necessario dislocazione in zone più sicure.

Quello che possiamo dirLe in questo momento, è:
1- non farsi prendere dall’ansia e dalla paura, perchè per ogni problema c’è una soluzione, anche se comprendiamo perfettamente la Sua situazione emotiva, soprattutto con un figlio piccolo (nda: complimenti!).
2- conoscere il luogo preciso (paese o città) dove abita, ci permetterebbe di fare un calcolo approsimativo ma reale, valutando se la Sua zona di residenza è ad alto, medio o basso rischio.
3- qualora poi risultasse un rischio significativo tale da prendere in considerazione un dislocamento (anche solo parziale), allora si potranno valutare altri aspetti e decidere cosa è meglio fare […]
Pertanto, se vuole inviarci semplicemente il nome della città o paese dove risiede, Le invieremo in breve tempo una stima generica sulla sicurezza del Suo luogo di residenza. Sulla base di questo è possibile fare altri ragionamenti.
Questa valutazione è gratuita e non comporta alcun impegno da parte Sua (nda: che gentilezza…).

Io:

Grazie per la rapida risposta!
Io abito a XXX, tra Milano e Bergamo, spero di non essere troppo a rischio […]
Non mi faccio prendere dal panico però sono parecchio spaventata, ne parlano anche alla tv, voi sapete qualcosa di più? Grazie

Butterfly2012:

Buongiorno,
Le informazioni che danno alla televisione sono a volte frammetarie e vaghe. […]
Secondo le informazioni in nostro possesso c’è da aspettarsi avvenimenti di vario genere per i quali è meglio iniziare a prepararsi, pur senza parlare di “fine del mondo”.

Osservando la Sua zona ad un primo sommario controllo stimiamo che dove abita Lei si presenta un rischio medio/medio-alto.
XXX ha una densità di popolazione limitata (poco più di 6.000 abitanti), ma ha anche cittadine limitrove nel raggio di 5/6 chilometri con una densità molto più alta, con l’aumento del rischio sociologico (nda: quindi secondo loro qualsiasi città sopra una certa soglia presenta “rischio sociologico”!!!).
Poco rischio sismico e alto rischio idrogeologico.
Già da questi dati, senza fare ricerche più approfondite, suggerirebbero di cercare un luogo più sicuro da affiancare alla Sua attuale locazione, qualora non desiderasse lasciarla per ragioni lavorative o di altro tipo.

Il nostro operato è a favore di singoli e famiglie che desiderano approfondire maggiormente le varie possibilità e avere supporto adeguato per affrontare gli eventi previsti o comunque per trovare collocazioni ritenute più sicure.
In questo senso, sarebbe opportuno approntare una consulenza specifica che identifiche esattamente l’attuale situazione e condizione della Sua famiglia, compreso il luogo abitativo e che Vi dia la possibilità di scegliere tra le zone ritenute più sicure (nda: a pagamento, ovviamente!).

Rimaniamo a Sua disposizione per ulteriori informazioni.

Io (dato che non volevo pagare, ho cercato di tirar fuori qualche altra informazione):

Grazie per la risposta, se è come dite forse è il caso di cercare un’altra sistemazione, ma cosa pensate possa succedere nel 2012? io non ho ancora le idee chiare e voi sembrate saperne molto di più degli altri!
Ok che non si parla di fine del mondo ma dite che ci saranno sconvolgimenti con rischio sociologico, cos vuol dire? Terremoti e inondazioni allora sono una certezza?
Vorrei saperne di più se possibile

Butterfly2012:

E’ necessario dire che CERTEZZE non ne ha nessuno, nè in senso positivo nè in senso negativo. E questo deve essere un punto fondamentale (nda: sante parole! peccato che poi subito dopo…)
Noi ci basiamo unicamente su dati scientifici che sono quelli sommariamente riportati nel nostro sito (nda: cazzate totalmente fuori dal mondo, ma che la gente comune non capisce ed è portata a credere).
Non possiamo ovviamente per ragioni di tempo in questa sede specificare tutte le varie possibilità, anche perchè dalle informazioni poste sul sito è facile desumere parecchio (nda: diciamo che non potete entrare in dettaglio perchè voi e la scienza siete due cose completamente diverse).
[…] (nda: taglio dove ripetono in 2 righe delle stupidate sulla frequenza di Shumann e sui poli magnetici, ve le risparmio)
Si sa che in caso di black-out, come già capitato molte altre volte, si possono venire a creare problemi di ordine sociale. Questo è il rischio sociologico: se abito in un paese di 1000 abitanti il rischio è minimo, se abito a Milano o Bergamo il rischio è altissimo.
[…]
Se desidera avere un dettaglio di rischi e pericoli relativi alla Sua zona, allora è necessario fare una Consulenza specifica (nda: fuori i soldiiiii).
Il fatto di non avergliela proposta sinora, ci è sembrato un modo per evitarLe di investire del denaro per avere informazioni specifiche, sapendo che già di massima si auspicherebbe un cambiamento di locazione (nda: roba da matti… consigliano di traslocare in base al nome della città in cui vivi! Una città tranquillissima come mille altre, potevo dire L’Aquila ma ho scelto un paese in zona Bergamo-Milano apposta!).
Ma, ripetiamo, se vuole scendere nei dettagli, non ci sono problemi.

Io:

Buongiorno, ho letto con l’attenzione la vostra risposta, siete molto disponibili e credo di potermi fidare se mi dite che è preferibile cambiare locazione…
Per quanto riguarda le informazioni scientifiche che proponete non sono assolutamente qualificata per comprenderle,  avrei però una domanda sui tempi, perchè cambiare abitazione non è semplice soprattutto in questi tempi difficili, ci saranno da fare molti sacrifici ma se il rischio è alto come dite sono sacrifici necessari!
Secondo i vostri studi il pericolo sarà concentrato alla fine del 2012 come dicono o è preferibile trovare una sistemazione stabile il prima possibile e che continui anche negli seguenti?
Voi sapreste consigliarmi dove andare? ci sono regioni più sicure di altre?
Grazie, scusate le tante domande ma sono davvero agitata e parlare con qualcuno di competente è molto rassicurante e mi dà speranza per il futuro.
(nda: che pirla che sono)

Butterfly2012:

Se è daccordo la metteremmo in contatto con il nostro referente in Italia. Lo può contattare tramite skype. […]
UNa volta che ha seguito la semplice procedura guidata, cerchi negli indirizzi: agenziabutterfly2012 e si collegherà con il nostro Consulente.
In questo modo può parlare direttamente con lui che Le darà tutte le spiegazioni che desidera e in vivavoce.
[…]

Qui mi sono fermato, sia perchè non sono una donna di mezza età e mi avrebbero riconosciuto, sia perchè ne avevo abbastanza di parlare con questa gentaglia.

Sì, ma chi è questa gente?

Cercando bene sul web c’è un nome di riferimento: (rimosso perchè butterfly2012 minaccia le vie legali, comunque potete trovarlo da soli).
Inoltre sul sito dicono di far parte dell’associazione consumatori  (rimosso perchè butterfly2012 minaccia le vie legali), che ha membri e consiglio direttivo belli stampati in seconda pagina.
Uno Stato serio dovrebbe prendere questi individui e metterli nei campi di granoturco, invece andranno avanti tranquillamente ad approfittare delle paure della gente fino al 2012 e oltre, visto che non si riferiscono precisamente alla data del 21 dicembre ma più genericamente la nostro periodo storico.

“Supportare una famiglia per il 2012 richiede preparazione, lavoro e dedizione.”
Sì, almeno due lauree e un master…

AGGIORNAMENTO:
Butterfly2012 dopo alcuni mesi e un paio di “segnalazioni” ha chiuso. Leggete qui per maggiori info.



2012vignetta

"Come hai fatto a capire che finirà nel 2012?" "Ho finito lo spazio sulla roccia..."




I possibili e probabili cambiamenti relativi al 2012, sono, a nostro avviso, una realtà