Milano + Estate uguale Caldo + Umidità.

Una persona dotata di media intelligenza e con un minimo di potere decisionale potrebbe avere la grande idea di mettere il condizionamento in tutte le metropolitane… il minimo indispensabile per allinearci alle meglio organizzate linee europee anche se meno calde.

E invece cosa fanno quei geni del ATM per rinfrescare le torride metropolitane milanesi?
Prima di tutto riducono di due terzi i mezzi in circolazione, che così restano stracolmi come d’inverno ma molto più rari… e poi spruzzano acqua nebulizzata da ventilatori posti a 3 metri di altezza (vedi immagine nella seconda pagina)!!

Tutto questo è fatto e sponsorizzato come ultra-innovativo e al passo coi tempi, perchè:

  • mandare ad una pressione di circa 100 atmosfere l’acqua, che passa per degli augelli in ceramica, significa farla evaporare subito, ed evaporando sottrae calore e abbassa la temperatura;
  • il consumo è ridotto a 140 litri all’ora per banchina della metro;
  • è stato usato anche a Dubai e a Siviglia anni fa.

Allora, sembrerebbe una magnifica idea!
Ora scrivo perchè secondo me è una cagata mostruosa.

(prima di tutto la foto, per chi non li conoscesse)

vaporizzatori milanesi maledetti

Quindi:

è vero, l’acqua evaporando abbassa la temperatura dell’ambiente, come leggo qui: “ogni grammo d’acqua, per passare dallo stato liquido allo stato gassoso consuma 540 calorie, sottraendole ai corpi in contatto con essa”.
Ma allo stesso tempo questa evaporazione aumenta nettamente l’umidità nelle metro e quindi il sudore corporeo non evapora più, e così viene meno il meccanismo di termoregolazione del nostro corpo come leggo sempre qui: “L’umidità produce un velo d’acqua a contatto con l’epidermide, che evapora sottraendo calore alla cute. Con il caldo secco, è il nostro organismo a bagnare la superficie della pelle, con il sudore, e così si raffredda; se invece il caldo è umido, il corpo produce sudore, ma questo evapora meno perchè l’aria è già ricca di acqua, per cui si soffre di più”.

Quindi con l’alta umidità si suda ma si resta bagnati, perchè l’aria è già piena di acqua… da questo si deduce che creare nebbia con dei vaporizzatori sia un’ottima idea per aumentare il caldo e farci slozzare le maglie fin dal mattino.

Si può immaginare perchè sia una buona idea usarlo nella secchissima Dubai (desertica) e Siviglia (praticamente è in Africa)…  ma Milano è una delle città più umide d’Europa, ci mancava solo l’umidificatore!

Per non parlare dei consumi… adesso 140 litri l’ora per banchina sono pochi?

88 stazioni (+4 doppie) x 2 banchine x 140 litri l’ora x 14 ore  (ipotizzo funzionino dalle 7 alle 21) = 360mila litri di acqua al giorno. Spero che almeno non sia potabile…

COMUNQUE, se grazie a questi aggeggi mi dicessero che le temperature calano di 5 gradi, potrei anche cambiare idea… ma passando tutti i giorni da Loreto non mi sono accorto di nessun cambiamento rispetto a quando non c’era nessun creatore di nebbia artificiale…