Archivio di July, 2009

Visto il successo del precedente post, entro ancora in maggior dettaglio negli inganni architettati dai media, dalla Sisal e dallo Stato per truffare il cittadino comune facendo leva sui suoi sogni e sulla difficile situazione economica attuale.

Prima di tutto fa spavento notare che nell’ultima settimana (3 estrazioni), gli italiani si sono giocati 93 milioni di euro, di cui:

  • 24,5 milioni sono stati redistribuiti come premio per i 5+1, 5, 4 e così via;
  • 8 milioni hanno rimpinguato il jackpot del 6 attuale e del 6 successivo (che partirà già sui 30 milioni);
  • 49,4 milioni sono stati incassati dallo Stato;
  • 3,4 milioni vanno alla Sisal;
  • 7,7 milioni vanno alle ricevitorie.

Ricordo che gli impegni della Sisal in tutto questo sono (cito wikipedia):
organizzazione, attività commerciale, gestione tecnologica, amministrazione e gestione finanziaria.
Un modo come un’altro per dire “rotolarsi nel denaro“.
Non male per prendersi 3,4 milioni di euro a settimana (e solo dal superenalotto, senza contare le slot, il poker e tutti gli altri giochi…)!!!

Adesso sono 74 estrazioni che non esce il 6, cioè quasi 6 mesi… se il montepremi vi sembra alto, ecco quanto hanno speso gli italiani in questi mesi (estrapolo i dati da qui):

991 milioni 570 mila euro!!!

E gli incassi statali?

531 milioni 482 mila euro!!!

Ottimo, direte voi, soldi in più allo Stato che di certo non fanno male… e invece no.
Questa dei giochi d’azzardo sta diventando una tassa per i disperati, un rubare soldi alle persone più credulone che invece di organizzarsi una vita in modo razionale preferisce sognare negli impossibili milioni dei giochi a premi, pensando che prima o poi la dea bendata arriverà anche da lui.
I TG non dicono delle persone che si stanno rovinando con il lotto e derivati, ma sono migliaia! Fare 3 estrazioni a settimana significa raccogliere il maggior numero di soldi nel minor tempo possibile senza lasciar respiro ai “poveri” giocatori che nemmeno si rendono conto che stanno buttando via pensione e stipendio in un gioco impossibile.

Io sarò fissato coi numeri, ma a volte due calcoli sono più chiari di mille parole:

  • se giocassi un numero alla roulette, statisticamente mi aspetterei di azzeccarlo almeno una volta ogni 37 partite (36 numeri più lo zero), quindi entro 37 giocate, calcoli alla mano, potrei con una buona probabilità vincere qualcosa.
  • se una persona invece giocasse gli stessi identici 6 numeri al superenalotto per tutte le estrazioni, statisticamente dovrebbe vincere dopo 3 milioni 987 mila 179 ANNI e mezzo… diciamo che è un po’ troppo tempo…

Ma fosse solo un gioco a cui è MOLTO difficile vincere, sarebbe il meno… il secondo scandalo è dovuto al fatto che il superenalotto è incredibilmente scorretto con i giocatori, perchè anche quando esce il 6, lo Stato, Sisal e le ricevitorie si incassano sempre e comunque la loro percentuale, quindi loro vincono SEMPRE, e i giocatori perdono SEMPRE, perchè si spartiscono questa misera porzione di montepremi (il 34,7% come già detto).
In confronto il gioco delle 3 carte è onesto, una volta capito che la carta giusta non è dove ce lo si aspetta, si ha il 50% di possibilità di vincere e c’è la possibilità di far perdere il banco!!
Un gioco in cui il banco non perde MAI, anzi vince SEMPRE più del 50% non è un gioco, è una truffa.

Prossimamente un articolo sugli altri giochi, come il neolegalizzato POKER e sul gratta e vinci… altri bei modi di rubar soldi al cittadino sognatore.

Se vuoi, vota questo post su wikio.it (basta cliccare):

(i dati si riferiscono all’estate 2009, ovviamente la statistica vale anche per gli anni successivi)

Prima di tutto un po’ di cifre che dovrebbero far desistere anche il più accanito giocatore:

Il montepremi del Superenalotto è costituito solamente dal 34,7 per cento dell’ammontare complessivo dell’incasso dovuto alla vendita al pubblico.

Di enorme c'è la truffa!

Di enorme c’è la truffa!

Infatti il 53,6% degli incassi va dritto dritto allo Stato, l’8% al punto vendita e il 3,7% a Sisal.

Incredibile quindi notare che l’ultimo montepremi (martedì 21 luglio 2009) era di 9.631.643 euro, da cui si calcola che  gli italiani hanno giocato 27.756.896 euro all’ultima estrazione!!!! E Sisal si è quindi intascata oltre 1 milione di Euro solo stampando le schede…

Non basta a capire che è un gioco-truffa? Allora passiamo alla statistica da prima media:

Un gioco è non equo quando la vincita non è commisurata alla probabilità di vittoria, ma è inferiore a quanto ci si aspetti applicando il calcolo delle probabilità.
Esempio: se gioco un numero al lotto, la probabilità di vincita è uno su diciotto (cioè 5/90), ma la vincita è pagata solo 11 volte, non 18. Se invece gioco il rosso alla roulette, la probabilità di vincere è 18/37 (bisogna considerare lo zero), cioè ho il 48,6% di possibilità di vincere, con un guadagno del 50%, una piccola differenza che assicura la sopravvivenza del casinò. Quindi la roulette è un gioco non equo ma molto più onesto del lotto “standard”.

Il giocatore che gioca a un gioco non equo può farlo ma deve sapere che la somma è buttata via: è un regalo fatto allo Stato/al Casinò. Chi gioca costantemente nella speranza di trovare un sistema che gli consenta di arricchirsi con piccole vincite periodiche è  un pollo, perchè chi si inventa i giochi a premi fa in modo che alla fine a vincere sia sempre lui.

[fbshare]Passiamo al SuperEnalotto, uno dei giochi meno equi al mondo:

Leggi il resto dell’articolo

Nebulizzatore di cervelli

Milano + Estate uguale Caldo + Umidità.

Una persona dotata di media intelligenza e con un minimo di potere decisionale potrebbe avere la grande idea di mettere il condizionamento in tutte le metropolitane… il minimo indispensabile per allinearci alle meglio organizzate linee europee anche se meno calde.

E invece cosa fanno quei geni del ATM per rinfrescare le torride metropolitane milanesi?
Prima di tutto riducono di due terzi i mezzi in circolazione, che così restano stracolmi come d’inverno ma molto più rari… e poi spruzzano acqua nebulizzata da ventilatori posti a 3 metri di altezza (vedi immagine nella seconda pagina)!!

Tutto questo è fatto e sponsorizzato come ultra-innovativo e al passo coi tempi, perchè:

  • mandare ad una pressione di circa 100 atmosfere l’acqua, che passa per degli augelli in ceramica, significa farla evaporare subito, ed evaporando sottrae calore e abbassa la temperatura;
  • il consumo è ridotto a 140 litri all’ora per banchina della metro;
  • è stato usato anche a Dubai e a Siviglia anni fa.

Allora, sembrerebbe una magnifica idea!
Ora scrivo perchè secondo me è una cagata mostruosa.

Leggi il resto dell’articolo

Napolitano culo.

Il titolo è una provocazione contro quei moralisti del  “non si può attaccare il presidente della Repubblica!”… io ritengo che oggi ci sia da essere incazzati e far sapere a Napolitano che ha fatto una sciocchezza è non solo un nostro diritto, ma anche un dovere.

vignetta de "Il Manifesto" di oggi

vignetta de "Il Manifesto" di oggi

Riassunto: ieri il nostro Presidente (quello senza problemi sessuali, per capirci) ha firmato la legge-vergogna sulla sicurezza, approvata dal Parlamento lo scorso 2 luglio, esprimendo però “forti perplessità e preoccupazioni” sul provvedimento.

Allora. Parliamoci chiaro.

Se il documento contiene delle (parole sue) “norme oscuramente formulate, contraddittorie, di dubbia interpretazione o non rispondenti a criteri di stabilità e certezza della legislazione” a partire dalle quali “il nostro ordinamento giuridico risulta seriamente incrinato“.

E se, cito sempre dalla lettera da lui scritta, Napolitano non può restare “indifferente dinanzi a dubbi di irragionevolezza e di insostenibilità“, allora perchè diavolo l’ha firmato?
Naturalmente Alfano ha subito affermato che delle indicazioni del capo dello stato “farà tesoro: le studieremo con attenzione, se dovesse essere necessario valuteremo eventuali modifiche“.
Aspettiamoci le classiche due modifiche ininfluenti che permetteranno ai TG di scrivere di come il Parlamento abbia tenuto assolutamente conto delle parole di Napolitano…

Ma quando il primo medico segnalerà un clandestino dopo averlo curato e quando il primo preside rifiuterà l’iscrizione alla scuola ai figli di immigrati irregolari, Napolitano cosa dirà?

Quando i tribunali rallenteranno ulteriormente i processi per vagliare le decine di casi di “clandestinità” (ora reato penale), quando le ronde nere-verdi gireranno per il paese fermando ed interrogando tutti gli “abbronzati”, delle 5 pagine di Napolitano al Parlamento cosa ce ne faremo?

Napolitano culo.